bordo inserto decorativo ai ferri cotone

Inserto Decorativo Versatile per Lavori a Maglia – Motivo Serpentina

Il pizzo Serpentina è un inserto decorativo che può essere utilizzato per aggiungere un elemento di stile e innovazione ai lavori a maglia e ai tessuti. Realizzato completamente ai ferri, questo pizzo offre molte possibilità creative grazie alla sua trama sinuosa e avvolgente. Nell’articolo di oggi, esploreremo la lavorazione dell’inserto, le diverse opzioni di integrazione nei progetti e le sue caratteristiche distintive.

La lavorazione dell’inserto Serpentina coinvolge una combinazione di maglie diritte, rovesce, gettati e due maglie lavorate insieme a diritto. La sinuosa linea di serpentina è ottenuta alternando maglie diritte e rovesce lungo il percorso del pizzo. La parte a rete del pizzo, invece, viene creata utilizzando gettati accompagnati da due maglie lavorate insieme a diritto, in modo da abbracciare simmetricamente la serpentina lungo tutto il suo cammino.

 

L’inserto è lavorato in modo che è quasi la maglia reversibile, cambia soltanto la texture sul lato diritto: la serpentina è realizzata con la maglia rasata rovescia, mentre sul lato rovescio è invece liscia, in maglia rasata diritta.

Nonostante l’apparente complessità, la lavorazione dell’inserto Serpentina è in realtà piuttosto semplice. È importante tenere sotto controllo il numero di ferri per mantenere il motivo corretto, ma per semplificare ulteriormente il processo, ho elaborato uno schema a rombi che puoi scaricare in questo articolo. Lo schema ti guiderà passo dopo passo attraverso la lavorazione del pizzo, aiutandoti a mantenere il conto e ottenere un risultato preciso e accurato.

Passiamo alla lavorazione.

Per agevolare la lavorazione consiglio, specialmente ai principianti, di utilizzare i ferri con punte relativamente sottili per facilitare l’inserimento nelle maglie.

 



 

Abbreviazioni:

m. = maglia, dir. = diritto, rov. = rovescio, gett. = gettato, lav. = lavorare, aum. = aumento, trasf. = trasferire, snz. = senza, rip. = ripetere, ins. = insieme, dpp. = doppio.

L’inserto si sviluppa su una base di 27 maglie: 8 maglie sono dedicate ai bordi laterali (4 maglie per lato), mentre le restanti 19 maglie costituiscono il motivo centrale a serpentina, che si ripete in altezza ogni 36 ferri. Ricordiamo che dopo ogni ferro lavorato il numero di maglie sul ferro non cambia ma rimane costante, 27 maglie.

Avviare 27 maglie.

Subito dopo l’avvio ci troviamo sul lato diritto del lavoro, si comincia con il 1° ferro dell’inserto.

1° ferrotrasferire senza lavorare la prima maglia, 1 maglia a diritto, 1 gettato, 2 maglie insieme a diritto, 9 maglie a diritto, 4 maglie a rovescio, 6 maglie a diritto, 1 gettato, 2 maglie insieme a diritto, 2 maglie a diritto.

Nota: Dopo aver terminato ogni ferro, voltare sempre il lavoro e proseguire con il ferro successivo.

2° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 2 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

3° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 8 m. a dir., 4 m. a rov., 7 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

4° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 3 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 3 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

5° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 7 m. a dir., 4 m. a rov., 8 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

6° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 3 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 3 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

7° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 6 m. a dir., 4 m. a rov., 9 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

8° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

9° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 5 m. a dir., 4 m. a rov., 10 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

10° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 4 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

11° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 4 m. a dir., 4 m. a rov., 11 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

12° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 5 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 1 volta – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

13° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., 4 m. a rov., 12 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

14° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 5 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 1 volta – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

15° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 4 m. a dir., 4 m. a rov., 11 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

16° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 5 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 1 volta – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

17° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 5 m. a dir., 4 m. a rov., 10 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

18° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 4 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

19° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 6 m. a dir., 4 m. a rov., 9 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

20° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

21° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 7 m. a dir., 4 m. a rov., 8 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

22° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 4 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

23° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 8 m. a dir., 4 m. a rov., 7 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

24° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 3 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 3 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

25° ferro – trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 9 m. a dir., 4 m. a rov., 6 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

26° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 2 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

27° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 10 m. a dir., 4 m. a rov., 5 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

28° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

29° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 11 m. a dir., 4 m. a rov., 4 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

30° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 1 volta – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 5 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

31° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 12 m. a dir., 4 m. a rov., 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

32° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 1 volta – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 5 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

33° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 11 m. a dir., 4 m. a rov., 4 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

34° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 3 m. a dir., rip. 1 volta – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 5 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 2 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

35° ferrotrasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 10 m. a dir., 4 m. a rov., 5 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

36° ferro trasf. snz. lav. la prima m., 1 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir., rip. 2 volte – ( 1 gett., 2 m. ins. a dir.), 2 m. a dir., rip. 4 volte – ( 2 m. ins. a dir., 1 gett.), 3 m. a dir., 1 gett., 2 m. ins. a dir., 2 m. a dir.

Dal 37° ferroripetere tutta la lavorazione dal 1° al 36° ferro per un’altezza desiderata.
 



 

Schema a rombi per il pizzo inserto con motivo a serpentina.

Il nostro schema a rombi è stato pensato nei minimi dettagli per agevolare e facilitare la lavorazione di ogni ferro, rendendola semplice e piacevole.

Per scaricare lo schema in formato PDF clicca qui

Una volta realizzato l’inserto Serpentina, ci si domanda: quali utilizzi posso farne?

Le opzioni di utilizzo sono molteplici e dipendono completamente dalla tua creatività.

Puoi utilizzare l’inserto come proposto nella lavorazione, creandolo come un vero e proprio inserto lungo separato. In seguito, puoi cucirlo o integrarlo nel lavoro a maglia o nel tessuto come un elegante pizzo, aggiungendo un tocco di raffinatezza al capo finito. Ad esempio, puoi immaginare di realizzare un cuscino decorativo con l’inserto Serpentina applicato sulla superficie, creando un punto focale peculiare e unico.

Un’altra opzione sempre più popolare è quella di abbinare i pizzi realizzati non solo all’uncinetto, ma anche ai ferri, alle magliette estive come parte decorativa, che cattura l’attenzione. Questo conferisce un tocco di originalità e stile al capo, rendendolo davvero unico.

L’inserto Serpentina si presta particolarmente bene per progetti come copertine, maglioncini estivi, cardigan, etc. Puoi integrare l’inserto all’interno di una copertina per aggiungere un tocco di eleganza e leggerezza, o utilizzarlo per decorare le maniche di una cardigan, creando un dettaglio sorprendente e unico.

Se desideri un effetto ancora più audace, puoi lavorare l’intera copertina o un progetto simile con la trama a serpentina (avviando un numero di maglie divisibile per 19), ripetendola senza interruzioni o alternandola alle fasce di maglia legaccio. Questo creerà un effetto sorprendente e unico, dando un aspetto avvolgente e sinuoso al tuo capo finito. La trama a serpentina si abbina perfettamente con la semplice maglia legaccio o rasata, creando interessanti contrasti e aggiungendo una dimensione extra al tuo progetto a maglia.

Scelta dei Filati.

La scelta del filato dipende dall’effetto desiderato e dall’uso finale del progetto. Trattandosi di un bordo/punto traforato, è ideale utilizzare filati sottili estivi come acrilico, cotone, lino e bamboo. Questi filati sono perfetti per creare un inserto delicato e leggero, adatto ai capi estivi. Offrono una grande varietà di colori e texture, permettendo di personalizzare l’inserto con il motivo Serpentina secondo le proprie preferenze. Si può anche aggiungere un filo argentato per creare un leggero gioco di luce.

D’altro canto, se si desidera un aspetto più rustico e naturale, si può optare per filati come la juta naturale o il sisal. Questi materiali conferiscono un carattere unico al pizzo, rendendolo perfetto per progetti dallo stile boho-chic o rustico.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ulteriori percorsi di interesse

0
Would love your thoughts, please comment.x